Icon--AD-black-48x48Icon--address-consumer-data-black-48x48Icon--appointment-black-48x48Icon--back-left-black-48x48Icon--calendar-black-48x48Icon--Checkbox-checkIcon--clock-black-48x48Icon--close-black-48x48Icon--compare-black-48x48Icon--confirmation-black-48x48Icon--dealer-details-black-48x48Icon--delete-black-48x48Icon--delivery-black-48x48Icon--down-black-48x48Icon--download-black-48x48Ic-OverlayAlertIcon--externallink-black-48x48Icon-Filledforward-right_adjustedIcon--grid-view-black-48x48Icon--info-i-black-48x48Icon--Less-minimize-black-48x48Icon-FilledIcon--List-Check-blackIcon--List-Cross-blackIcon--list-view-mobile-black-48x48Icon--list-view-black-48x48Icon--More-Maximize-black-48x48Icon--my-product-black-48x48Icon--newsletter-black-48x48Icon--payment-black-48x48Icon--print-black-48x48Icon--promotion-black-48x48Icon--registration-black-48x48Icon--Reset-black-48x48share-circle1Icon--share-black-48x48Icon--shopping-cart-black-48x48Icon--start-play-black-48x48Icon--store-locator-black-48x48Ic-OverlayAlertIcon--summary-black-48x48tumblrIcon-FilledvineIc-OverlayAlertwhishlist

Per offrirti una migliore esperienza di navigazione e per avere statistiche sull’uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, questo sito utilizza cookie anche di terze parti. Chi sceglie di chiudere questo banner o di proseguire nella navigazione cliccando al di fuori di esso esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più e per modificare le tue preferenze sui cookie consulta la nostra Cookie Policy.

Storia dell'azienda

Ricostruzione 1946-1959

10 minuti di lettura

Alla fine della Seconda Guerra Mondiale, Bosch aveva perso le sue sedi internazionali per la seconda volta. Gran parte dei suoi stabilimenti di produzione era in rovina. I due decenni successivi furono dedicati alla ricostruzione, ma anche alla ricerca di nuove attività.

Disegno di un costruttore che lavora presso un edificio.

Carretti e pale: la ricostruzione

Nel 1945 ca. metà delle fabbriche Bosch in Germania era stata distrutta dalle bombe degli Alleati. Il ruolo chiave di fornitore di veicoli militari durante la Guerra aveva fatto sì che Bosch diventasse un obiettivo strategico. L'azienda dovette così rimettere le cose a posto: ricostruire e creare nuovo lavoro per i suoi dipendenti.

Parte della distruzione era ancora visibile ben dopo la fine della guerra. La torre della prima fabbrica Bosch seriamente danneggiata, Stoccarda (1945)
I danni della Guerra erano ancora visibili ben dopo la sua fine. La torre della prima fabbrica Bosch seriamente danneggiata, Stoccarda (1945)
Un anno dopo la fine della guerra, segni della ricostruzione erano chiaramente visibili presso la maggior parte delle fabbriche decimate a Stoccarda. (1946)
Un anno dopo la fine della guerra, la maggior parte delle fabbriche di Stoccarda erano state ricostruite. (1946)
Controllo della qualità delle candele nell'impianto di Bamberga (1950). Il prodotto tradizionale prodotto per la prima volta da Bosch nel 1902 fu uno dei battistrada per la ripresa economica dopo il 1945.
Controllo qualità delle candele nell'impianto di Bamberga (1950). La famosa candela prodotta per la prima volta da Bosch nel 1902 fu uno dei capisaldi della ripresa economica dopo il 1945.
Bosch celebra la milionesima pompa di iniezione diesel nel foyer dell'impianto di Feuerbach (1950). Fu proprio qui che questo prodotto di successo entrò in produzione per la prima volta nel 1927.
Robert Bosch celebra la milionesima pompa di iniezione diesel nel foyer dell'impianto di Feuerbach (1950). Fu proprio qui che questo prodotto di successo entrò in produzione per la prima volta nel 1927.

Candele e pentole: sopravvivere al periodo postbellico

Per poter dare nuovo lavoro ai dipendenti e pagare i loro stipendi, Bosch tornò a produrre padelle ricavate dagli elmetti d'acciaio, carrelli e ombrelli nelle fabbriche in rovina. I dipendenti potevano usare questi prodotti o scambiarli con altri beni essenziali. I primi prodotti più complessi furono le candele, destinate ai veicoli militari degli Alleati.

Le spie luminose che entrarono qui in produzione nel 1949 costituivano una novità assoluta. Sostituivano gli indicatori di direzione per auto che Bosch aveva cominciato a produrre nel 1927. (1950)
Le spie luminose che entrarono in produzione nel 1949 costituivano una novità assoluta. Sostituivano gli indicatori di direzione per auto che Robert Bosch aveva cominciato a produrre nel 1927. (1950)
Alla fine del conflitto Bosch si concentrò nuovamente sui suoi vecchi punti di forza: ricerca e sviluppo e le conseguenti innovazioni ai prodotti ad essi collegati. I ricercatori Bosch cominciarono a sviluppare un microscopio elettronico nel 1948 per la propria ricerca sui materiali. (1950)
Alla fine del conflitto, Robert Bosch si concentrò nuovamente sui suoi punti di forza: ricerca e sviluppo e innovazione. Nel 1948 i ricercatori Bosch cominciarono a sviluppare un microscopio elettronico destinato allo studio dei materiali. (1950)
La qualità è sempre stata un criterio chiave in Bosch. Controlli a campione, come qui nella produzione di clacson, erano quindi obbligatori. (1950)
La qualità è sempre stata un requisito fondamentale in Bosch. Controlli a campione, come qui durante la produzione di clacson, erano quindi obbligatori. (1950)

Esecutore testamentario di Robert Bosch e Presidente del Consiglio di Amministrazione

Robert Bosch morì nel 1942. Dopo il 1945 gli esecutori testamentari ricostruirono l'azienda in base ai suoi desideri e al suo testamento. L'obiettivo era di generare profitti, ma anche indirizzarne una parte verso opere di beneficenza. Fu Hans Walz a guidare l'azienda in qualità di successore di Robert Bosch fino al 1963.

Nel testamento che scrisse quattro anni prima della sua morte nel 1942, Robert Bosch espresse la volontà che l'azienda fosse orientata ad un ulteriore "forte" sviluppo. Non indicava un percorso specifico, ma aveva dato dei punti di orientamento per aiutare gli esecutori (nella foto) a gestire l'azienda. (1954)
Nel testamento che scrisse quattro anni prima della sua morte nel 1942, Robert Bosch espresse la volontà che l'azienda fosse orientata ad un ulteriore "forte" sviluppo. Non indicava un percorso specifico, ma aveva dato dei punti di orientamento per aiutare gli esecutori (nella foto) a gestire l'azienda. (1954)
Hans Walz successe a Robert Bosch alla guida dell'azienda (1953).
Hans Walz successe a Robert Bosch nella guida dell'azienda (1953).

Procedimenti antitrust: la paura di perdere tutto

Le aspirazioni nazionalsocialiste volte ad ottenere un potere globale erano considerate realizzabili solo con il supporto di aziende economicamente molto potenti. Questo è il motivo per cui gli Alleati cercarono di smantellare le grandi società tedesche, Bosch compresa. Tuttavia, l'azienda era cresciuta in modo organico, le sue singole parti erano aziende a sé stanti. Alla fine, l'azienda Bosch rimase quasi intatta, sebbene dovette rivelare i propri brevetti alla concorrenza.

Bosch si rivolse alle corse automobilistiche per contribuire a ricostruire l'azienda durante gli anni '50, dopo aver fondato il suo "servizio corse" per interventi di manutenzione e pezzi di ricambio nel 1937. L'utilizzo con successo della tecnologia Bosch nelle condizioni più difficili era un'ottima pubblicità per la sua affidabilità e durata.
Bosch si affidò alle corse automobilistiche per ricostruire l'azienda durante gli anni '50, dopo aver fondato il suo "servizio corse" per interventi di manutenzione e pezzi di ricambio nel 1937. L'utilizzo con successo della tecnologia Bosch nelle condizioni più difficili era un'ottima pubblicità per la sua affidabilità e per la sua durata.
La sede principale Bosch in Breischeidstrasse a Stoccarda era illuminata ogni notte (1951). Qui è il luogo in cui i dirigenti Bosch e i rappresentanti degli Alleati si davano battaglia sul futuro dell'azienda in procedimenti antitrust.
La sede principale Bosch in Breischeidstrasse, a Stoccarda, era illuminata ogni notte (1951). Questo era il luogo in cui i dirigenti Bosch e i rappresentanti degli Alleati si davano battaglia su procedimenti antitrust.
Disegno di un globo stilizzato con i punti di riferimento di famose capitali nel mondo.

“Made all over the world”: nuove strade verso l'internazionalizzazione dell'azienda

Prima che Hitler salisse al potere, più del 50% delle vendite di Bosch proveniva da business internazionali. Dopo il 1945, però, questa percentuale si avvicinò allo zero e le proprietà dell'azienda all'estero furono confiscate. Grazie ai buoni rapporti con partner di lungo corso e ai mercati in rapida crescita come il Brasile e l'India, la realizzazione di una rete globale cominciò a prendere forma. In ogni caso, l'azienda dovette aspettare il 1960 per vedere le vendite internazionali superare nuovamente il 20%.

Durante gli anni '50 la produzione era principalmente in Germania. Per l'esportazione in tutto il mondo era necessaria una logistica dei trasporti sofisticata. Il sistema di convogliamento pacchi era all'avanguardia per l'epoca. (1951)
Durante gli anni '50 la produzione era principalmente in Germania. Per l'esportazione in tutto il mondo era necessaria una logistica sofisticata: per questo il sistema di convogliamento pacchi era all'avanguardia per l'epoca. (1951)
Durante gli anni '50 Bosch cominciò a realizzare impianti di produzione in tutto il mondo. La sede Bosch di Clayton, vicino a Melbourne, riforniva l'industria automobilistica australiana con componenti elettrici quali sistemi di accensione, sistemi di tergicristalli, clacson, generatori, motorini di avviamento e luci. (1960)
Durante gli anni '50 Bosch cominciò a realizzare impianti di produzione in tutto il mondo. La sede Bosch di Clayton, vicino a Melbourne, riforniva l'industria automobilistica australiana con componenti elettrici quali sistemi di accensione, sistemi di tergicristalli, clacson, generatori, motorini di avviamento e luci. (1960)
Il veicolo di ricerca Bosch nel cortile della flotta a Stoccarda è dotato di innumerevoli fari e clacson che sono usati in tutto il mondo. Questo veniva usato per effettuare guide di prova su strada. (1954)
Il veicolo Bosch usato per la ricerca, situato nel cortile della sede di Stoccarda, era dotato di innumerevoli fari e clacson usati in tutto il mondo. Esso era destinato a prove di guida su strada. (1954)

Eleganza nella perfezione: tecnologia per i consumatori

Nei primi anni '50, Bosch lanciava sul mercato prodotti che riflettevano il miracolo economico tedesco ed europeo e che soddisfacevano le richieste dei consumatori alla fine di un momento difficile. Tra questi prodotti rientravano per esempio elettrodomestici e trapani elettrici per gli appassionati del fai da te. Prodotti chiave come le autoradio vendettero milioni di unità.

Tra i prodotti lanciati durante gli anni '50 c'erano anche le lavatrici: qui la copertina di un volantino pubblicitario del 1958.
Tra i prodotti lanciati durante gli anni '50 c'erano anche le lavatrici: qui un volantino pubblicitario del 1958.
Bosch aveva lanciato il suo primo frigorifero già nel 1933, ma questi divennero veramente accessibili solo dopo la guerra con l'avvento della produzione in serie che permetteva di risparmiare tempo e denaro. (1958)
Bosch aveva lanciato il suo primo frigorifero già nel 1933, ma questi divennero veramente accessibili solo dopo la guerra con l'avvento della produzione in serie che permetteva di risparmiare tempo e denaro. (1958)

Robot da cucina

Scenario di vendita per il robot da cucina presso il punto vendita di Stoccarda (1962)

Una "nuova era" ha inizio in cucina

Il robot da cucina Bosch, chiamato "Neuzeit" (nuova era) veniva indicato come "l'aiutante delle donne di campagna". Ai clienti che vivevano in città fu promessa una nuova era grazie ad una tecnologia per elettrodomestici all'avanguardia, che avrebbe semplificato i lavori domestici.

Il fascino esercitato sulle famiglie rurali era riconducibile alla facilità con cui questo robot avrebbe lavorato grandi quantità di cibo. Questo poiché le famiglie avevano molti bambini e vi era la necessità di preparare rapidamente e conservare i raccolti di frutta e verdura, per esempio congelando le porzioni di cibo o facendo marmellate e conserve.

Il "Neuzeit" era un dispositivo multifunzione in grado di tagliare, impastare, grattugiare, spremere e anche pelare le patate.

Foto: Vendita del robot da cucina in un negozio di Stoccarda (1962)

Riprendere le vecchie passioni: l'iniezione a benzina nelle automobili

La tecnologia utilizzata in molti prodotti Bosch proveniva ancora dal periodo prebellico. Ma erano necessarie innovazioni per poter diventare e rimanere competitivi. L'iniezione a benzina che Bosch aveva sviluppato per i motori aeronautici sembrava un'innovazione all'inizio degli anni '50, anche se ci vollero decenni prima che diventasse standard.

La Gutbrod Superior fu la prima automobile a essere dotata dell'iniezione di benzina Bosch. Questo permetteva una riduzione dei consumi fino al 20 percento rispetto ai carburatori e garantiva prestazioni migliori. (1952)
La Gutbrod Superior fu la prima automobile dotata di un motore a iniezione benzina Bosch. Questo permetteva una riduzione dei consumi fino al 20% e garantiva prestazioni migliori. (1952)

Il Bosch Combi

Un "Bosch Combi" per appassionati del fai date, con la sua pratica valigia (1952)

L'elettroutensile per la casa

Il fai da te divenne un'attività molto redditizia per Bosch. Lanciato nel 1952, l'elettroutensile "Bosch Combi" poteva essere usato in modo molto versatile, in base all'attacco scelto: come trapano, cacciavite, levigatrice o anche tosasiepi. Questa innovazione portò allo sviluppo di un'attività nuova in Europa, per quello che era ancora principalmente un settore d'acquisto maschile: il fai da te, che si svolgeva prevalentemente in cantine e garage.

Il kit completo con gli attacchi standard era venduto in una valigia o in un mobiletto di legno per il montaggio a parete. Bosch sviluppò così una seconda linea di elettroutensili per integrare la gamma già esistente di quelli professionali per i cantieri, compresi i martelli tassellatori.

Foto: un "Bosch Combi" per appassionati del fai da te, con la sua pratica valigia (1952)

Elettronica Bosch

Bosch cominciò a sviluppare componenti elettronici a metà degli anni '50. Il primo di questi fu il "Variode", che Bosch cominciò a produrre nel 1958. Seguirono poi i transistor e quindi i circuiti integrati, a partire dal 1970. Criticati dagli scettici, ma sviluppati con entusiasmo dai sostenitori, gettarono il primo seme nel campo dell'elettronica, che è oggi una delle principali attività dell'azienda.

Un componente non molto spettacolare: grande appena come un pisello e non distinguibile nella foto di un regolatore-generatore. Dopo essere entrato nella produzione in serie nel 1958, questo innovativo componente semiconduttore migliorò il modo in cui il generatore caricava la batteria, in particolare mentre si era fermi nel traffico.
Un componente poco ingombrante: grande appena come un fagiolo e non visibile nella foto di un regolatore-generatore. Dopo essere entrato nella produzione in serie nel 1958, questo innovativo componente semiconduttore migliorò il modo in cui il generatore caricava la batteria, in particolare mentre si era fermi nel traffico.
I primi componenti elettronici di Bosch si basavano sul germanio, poi sul silicio, cristalli. La figura mostra la produzione di un cristallo di germanio. (1961)
I primi componenti elettronici di Bosch erano prodotti con cristalli di germanio e poi di silicio. La foto mostra la produzione di un cristallo di germanio. (1961)