Icon--AD-black-48x48Icon--address-consumer-data-black-48x48Icon--appointment-black-48x48Icon--back-left-black-48x48Icon--calendar-black-48x48Icon--Checkbox-checkIcon--clock-black-48x48Icon--close-black-48x48Icon--compare-black-48x48Icon--confirmation-black-48x48Icon--dealer-details-black-48x48Icon--delete-black-48x48Icon--delivery-black-48x48Icon--down-black-48x48Icon--download-black-48x48Ic-OverlayAlertIcon--externallink-black-48x48Icon-Filledforward-right_adjustedIcon--grid-view-black-48x48Icon--info-i-black-48x48Icon--Less-minimize-black-48x48Icon-FilledIcon--List-Check-blackIcon--List-Cross-blackIcon--list-view-mobile-black-48x48Icon--list-view-black-48x48Icon--More-Maximize-black-48x48Icon--my-product-black-48x48Icon--newsletter-black-48x48Icon--payment-black-48x48Icon--print-black-48x48Icon--promotion-black-48x48Icon--registration-black-48x48Icon--Reset-black-48x48share-circle1Icon--share-black-48x48Icon--shopping-cart-black-48x48Icon--start-play-black-48x48Icon--store-locator-black-48x48Ic-OverlayAlertIcon--summary-black-48x48tumblrIcon-FilledvineIc-OverlayAlertwhishlist

Per offrirti una migliore esperienza di navigazione e per avere statistiche sull’uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, questo sito utilizza cookie anche di terze parti. Chi sceglie di chiudere questo banner o di proseguire nella navigazione cliccando al di fuori di esso esprime il consenso all'uso dei cookie. Per saperne di più e per modificare le tue preferenze sui cookie consulta la nostra Cookie Policy.

Storia dell'azienda

Passi globali 1906-1925

8 minuti di lettura

Il rapido successo dell'azienda fu bruscamente interrotto dalla Prima guerra mondiale, al termine della quale Bosch dovette trasformarsi e puntare sull'innovazione per contrastarne gli effetti.

Disegno di un timbro con l'indirizzo dell'impianto Bosch di New York, datato 1947.

L'esordio negli Stati Uniti

Tutto iniziò con una pubblicità dei sistemi di accensione magnetica sui giornali americani, che generò ordini per un milione di dollari nel 1906, con un raddoppio delle vendite in un solo anno. Gli affari negli Stati Uniti ebbero un tale successo che nel 1912 Bosch cominciò a realizzare il suo prodotto di punta in una fabbrica di proprietà a Springfield, Massachusetts.

Il sistema di accensione magnetica Bosch era finalmente arrivato anche negli Stati Uniti. Fu la pubblicità del 1906 che diede l'inizio al successo commerciale di Bosch.
Il sistema di accensione magnetica Bosch era finalmente arrivato anche negli Stati Uniti. Fu la pubblicità del 1906 a dare inizio al successo di Bosch.
L'ufficio vendita BOSCH USA a New York, c. 1908. Oltre alla filiale di Chicago, ne furono aperte altre due, a San Francisco nel 1909 e a Detroit nel 1910.
L'ufficio vendita BOSCH USA a New York, c. 1908. Oltre alla filiale di Chicago, ne furono aperte altre due, a San Francisco nel 1909 e a Detroit nel 1910.

88%: il risultato della globalizzazione

Oltre che gli Stati Uniti, Bosch cominciò a considerare altri mercati nel mondo. Con uffici commerciali in Sudafrica dal 1906, in Australia dal 1907, in Argentina dal 1908, in Cina dal 1909 e in Giappone dal 1911, la presenza di Bosch era diffusa in tutti i continenti. Nel 1913 le attività al di fuori della Germania rappresentavano l'88% delle vendite dell'azienda.

Intorno al 1910, Bosch era rappresentato in tutti i continenti. In Gran Bretagna, oltre il 90 percento delle automobili era dotato di sistemi di accensione magnetica Bosch.
Intorno al 1910, Bosch era rappresentata in tutti i continenti. In Gran Bretagna, oltre il 90% delle automobili era dotato di sistemi di accensione magnetica Bosch.

Nuovi prodotti: luci, generatori e motorini d'avviamento

Quando le automobili divennero un oggetto d'uso quotidiano e velocità maggiori richiedevano una maggior sicurezza, Bosch lanciò i prodotti giusti nel 1913 e nel 1914. Oltre a "Bosch light", un sistema di illuminazione elettrica costituito da fanali, un generatore, un regolatore e una batteria per rendere la guida notturna più sicura, un'affidabilità ancora maggiore era garantita dal motorino d'avviamento.

L'automobile appartenuta all'ultimo Zar di Russia, una Delaunay-Belleville, era dotata di un sistema di illuminazione e accensione e di un motorino d'avviamento elettrico di Bosch.
L'automobile appartenuta all'ultima Zar di Russia, una Delaunay-Belleville, era dotata di un sistema di illuminazione e accensione e di un motorino d'avviamento elettrico Bosch.
Il sistema di illuminazione per automobili Bosch su una Mercedes 10/25 HP con generatore, fanali e regolatore (c. 1913).
Il sistema di illuminazione per automobili Bosch su una Mercedes 10/25 HP con generatore, fanali e regolatore (c. 1913).
Disegno di soldati tedeschi della Prima guerra mondiale.

La catastrofe: la Prima Guerra Mondiale

Allo scoppio della Prima Guerra Mondiale, nel 1914, tutti i mercati esteri sparirono da un giorno all'altro, la ricerca e lo sviluppo furono interrotti e la produzione si concentrò sugli armamenti. Al posto delle accensioni magnetiche, Bosch cominciò a produrre detonatori per granate. Circa metà degli addetti fu chiamata al servizio militare e le donne presero il loro posto a lavoro. Di questi militari, 453 dipendenti non fecero ritorno dalla guerra.

Allo scoppio della guerra, nel 1914, per alleviare le difficoltà, Bosch allestì immediatamente un ospedale in un nuovo capannone destinato inizialmente alla produzione di fanali.
Allo scoppio della guerra, nel 1914, per alleviare le difficoltà, Bosch allestì immediatamente un ospedale in un nuovo capannone destinato inizialmente alla produzione di fanali.

Logo Bosch

Schizzo del nuovo logo (1918)

Il nuovo marchio nel mondo

Gli uffici di vendita e i marchi commerciali furono confiscati durante la Prima Guerra Mondiale. Tuttavia, l'azienda Bosch rilevata negli Stati Uniti continuò a utilizzare il noto logo Bosch per la pubblicità. Per evitare confusione, il capo innovazione Gottlob Honold ideò rapidamente un logo con un'ancora nel cerchio nel 1918, che rimane ancora intrinsecamente collegato a Bosch ancora oggi.

Foto: schizzo del nuovo logo (1918)

Un nuovo inizio: contro ogni resistenza

Al termine della guerra, nel 1917, la società per azioni rinominata Robert Bosch AG dovette affrontare numerose sfide. Il ritorno al mercato globale era ostacolato da una maggiore concorrenza e i suo brevetti erano stati revocati. Ma arrendersi non era un'opzione. I vecchi contatti furono ripristinati e si aprirono nuovi mercati. Allo stesso tempo, l'azienda si concentrò sull'abilità principale: l'innovazione.

Costruzione e test procedettero a piena velocità nell'impianto per la produzione di luci di Feuerbach durante gli anni '20 per raggiungere rapidamente i progressi tecnologici che l'azienda si era persa a causa della guerra.
Per recuperare rapidamente i progressi tecnologici che l'azienda si era persa a causa della guerra, durante gli anni '20 la produzione e i test per le luci procedettero a pieno ritmo nell'impianto produttivo di Feuerbach.
Insieme al suo partner svedese di lunga data, Fritz Egnell, nel 1921 Bosch fondò la AB Robo in Svezia per la vendita di prodotti Bosch in Scandinavia.
Insieme al suo partner svedese di lunga data, Fritz Egnell, nel 1921 Bosch fondò la AB Robo in Svezia per la vendita di prodotti Bosch in Scandinavia.

Nuove funzionalità nel settore automobilistico: tergicristalli e clacson

Le attività interrotte dalla guerra ripresero a pieno ritmo. La sicurezza su strade divenute molto più trafficate fu la spinta per i ricercatori e gli sviluppatori Bosch per trovare nuove soluzioni. Fanali per motociclette e biciclette, il clacson, i tergicristalli e l'accensione alimentata a batteria furono aggiunti alla gamma di prodotti fino al 1926.

Design esteticamente perfetto dal dipartimento engineering e volume adeguato: il clacson Bosch (1921)
Design esteticamente perfetto e volume adeguato: il clacson Bosch (1921)
Dopo che il sistema di illuminazione si era diffuso con successo nei veicoli, all'inizio degli anni '20 l'azienda prese di mira le motociclette, come questa macchina di marca indiana del 1921.
Dopo che il sistema di illuminazione si diffuse con successo nei veicoli, all'inizio degli anni '20 l'azienda si concentrò sulle motociclette, come questa indiana del 1921.
Una buona visibilità nella pioggia era una precauzione di sicurezza di vitale importanza. Bosch lo capì questo e cominciò a realizzare tergicristalli a partire dal 1926.
Bosch capì che una buona visibilità in caso di pioggia era di vitale importanza; per questo cominciò a realizzare tergicristalli a partire dal 1926.

Bosch Car Service

La lanterna del Bosch Service divenne l'impronta caratteristica dell'officina.

Assistenza ai clienti garantita ovunque

Una rete di officine di riparazione e installazione indipendenti e conformi allo stesso standard non era una novità. Esisteva già negli Stati Uniti prima della Guerra. Nel 1921 Bosch lanciò le sue officine "Bosch Car Service" al di fuori della Germania, un'operazione che ebbe un successo così rapido che nel 1930 vi erano già 2.750 officine in 70 paesi. Queste contribuirono a diffondere il marchio Bosch in tutto il mondo.

Foto: la lanterna del Bosch Service divenne il tratto distintivo dell'officina.

Nastri trasportatori continui: produzione con catena di montaggio

Divenne sempre più chiaro che la concorrenza stesse raggiungendo gli standard di qualità di Bosch, con una produzione più rapida ed economica. Questo fu dovuto alla catena di montaggio che anche Bosch aveva cominciato a introdurre gradualmente a partire dal 1925. Dove prima erano necessari 50 giorni per produrre un sistema di accensione magnetica completo, la catena di montaggio riduceva il tempo a soli cinque giorni.

Produzione di fari in Bosch prima della produzione con catena di montaggio (1925).
Produzione di fari in Bosch prima dell'introduzione della catena di montaggio (1925).
Produzione di fari in Bosch dopo l'introduzione prima della produzione con catena di montaggio (1926).
Produzione di fari in Bosch dopo l'introduzione prima della produzione con catena di montaggio (1926).